GUIDA REGIME FORFETTARIO dal 2019

17/01/2019
Commercialista forfettari como

Con la Legge di bilancio 2019 (L. n. 145/2018, in Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31.12.2018) sono state apportate alcune modifiche allo speciale "regime fiscale forfettario" riservato a persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni, consistente appunto nella determinazione forfetaria del reddito e nel suo assoggettamento ad un’imposta sostitutiva (dell’Irpef e relative addizionali regionale e comunale nonché dell’Irap) con aliquota generalmente ridotta al 15%. L’obbiettivo dichiarato era di ampliare la platea di fruitori del regime agevolato.

Riepiloghiamo di seguito le principali regole del regime forfettario integrate con le modifiche in vigore dall'anno 2019.

1) Accesso al regime Forfettario

Trattandosi di regime naturale per chi ne possiede i requisiti, non è richiesto l’esercizio di un’opzione né l’invio di alcuna comunicazione, preventiva o successiva, per chi è già in attività. Opzioni per altri regimi si possono abbandonare se si rispettano i requisiti per essere contribuenti forfettari (logicamente facendo attenzione a quando partire con il nuovo regime fiscale).

Invece, chi avvia un’attività ("apre una partita iva") può avvalersi del regime forfetario comunicando, nella dichiarazione di inizio attività, di presumere la sussistenza dei requisiti che si vedranno più avanti.

In seguito si vedrà anche che una comunicazione all'INPS, in alcuni casi, sarà invece necessaria per fruire di uno “sconto” sui contributi previdenziali.

Resta possibile, per chi volesse o trovasse convenienza, optare per un regime contabile diverso da quello forfettario (es. contabilità ordinaria o semplificata) ritornando alle normali regole di fiscali, con tutti gli obblighi connessi. E' bene subito sottolineare che non in tutti i casi il regime forfettario può essere conveniente ed una accurata e personalizzata valutazione di ogni situazione è sicuramente indispensabile per realizzare un vero risparmio fiscale.

Restano dovute tutte le eventuali altre comunicazioni di avvio attività (es. Registro imprese, Comune, Ordini, albi, ruoli, Inail ecc.).

2) Requisiti fiscali di accesso al regime forfettario

  • è stato elevato a 65.000 euro il limite dei ricavi/compensi realizzati nell’anno precedente. Tale soglia è valida per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori - fissati tra 25.000 e 50.000 euro – che erano differenziati sulla base del codice statistico che contraddistingue la singola attività esercitata.
  • È stato eliminato il requisito di non aver sostenuto spese per un ammontare complessivamente superiore a 5.000 euro annue per lavoro accessorio, per lavoratori dipendenti e collaboratori, comprese le somme erogate sotto forma di utili da partecipazione agli associati. in partecipazione.
  • E’ stato eliminato il requisito del costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, dei beni strumentali alla chiusura dell’esercizio (che doveva essere non superiore a 20.000 euro).

3) Cause di esclusione dal regime forfettario

  • E' stata cancellata la causa di esclusione rappresentata dalla percezione, nell’anno precedente, di redditi da lavoro dipendente o assimilati per un ammontare superiore a 30.000 euro. Pertanto sarà ora possibile “affiancare” tali redditi senza un limite. 
  • E’ stata modificata la causa relativa alle partecipazioni societarie. Si è ora esclusi quando si partecipi a società di persone, associazioni, studi associati o imprese familiari (solo il collaboratore familiare) e/o quando si abbia il controllo diretto o indiretto di società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, che “esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni”. 
  • E’ stata aggiunta la causa ostativa secondo cui non possono avvalersi del regime le persone fisiche la cui attività è esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili a tali datori di lavoro. 
  • Resta ancora non possibile adottare il sistema forfettario per coloro che si avvalgono di regimi speciali Iva o di altri regimi forfetari di determinazione del reddito. 
  • Resta ancora non possibile adottare il sistema forfettario per i soggetti non residenti in Italia, a meno che non siano residenti in uno Stato Ue o in uno Stato aderente all’Accordo sullo spazio economico europeo e producano nel territorio nazionale almeno il 75% del loro reddito complessivo. 
  • Resta ancora non possibile adottare il sistema forfettario per coloro che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili o di mezzi di trasporto nuovi

4) Imposte sui redditi: determinazione dell’imponibile e dell’imposta nel regime forfettario

Il reddito imponibile dei contribuenti in regime fiscale forfetario si calcola applicando all'importo dei ricavi/compensi percepiti nel periodo d’imposta (incassati) il coefficiente forfettario previsto per legge e differenziato in base al codice statistico dell’attività esercitata. Da questo risultato intermedio si possono dedurre i contributi previdenziali obbligatori versati (l’eventuale eccedenza può essere dedotta dal reddito complessivo).

Quindi il reddito imponibile non si determina con un calcolo analitico del tipo: ricavi/compensi meno costi/spese deducibili, come per gli altri regimi fiscali ordinari.

Al reddito imponibile così determinato forfettariamente va applicata un’imposta sostitutiva del 15%, che si versa con lo stesso criterio e alle stesse scadenze dell’Irpef, cioè con due acconti (a giugno e a novembre dell’anno d’imposta) e un saldo (a giugno dell’anno successivo).

L’imposta è sostitutiva di Irpef, addizionali comunali e regionali e dell’Irap.

ATTENZIONE i "SUPERFORFETTARI" O "FORFETTARI STARTUP": Per incentivare l’avvio di nuove attività, l’imposta è ridotta al 5% nei primi cinque anni, a condizione che:

  • nei tre anni precedenti all'inizio dell’attività, il contribuente non abbia mai esercitato attività artistica, professionale o imprenditoria (anche in forma associata o familiare); 
  • l’attività non rappresenti la semplice prosecuzione di un'altra attività già precedentemente svolta in forma di lavoro dipendente od autonomo, a meno che essa consista nel periodo di tirocinio obbligatorio per l’esercizio di arti o professioni (commercialisti, avvocati, ecc.)
  • se viene proseguita un’attività già esercitata in precedenza da altro soggetto, i ricavi/compensi realizzati nel periodo d’imposta precedente non superino il previsto limite di accesso (65.000 euro).  

5) Le ritenute d’acconto nel regime forfettario

I ricavi/compensi realizzati dai contribuenti forfetari non devono essere assoggettati a ritenuta d’acconto (ove normalmente prevista). A tale fine, gli interessati devono informare il cliente sostituto d’imposta con una dichiarazione da cui risulti che il proprio relativo reddito è soggetto a imposta sostitutiva.

La fattura potrà sostituire la dichiarazione indicando la norma di riferimento che esonera dalla ritenuta d’acconto (vedere più avanti).

A loro volta, i contribuenti “forfetari” non sono tenuti a operare le ritenute alla fonte su retribuzioni e compensi da loro corrisposti ad esempio a collaboratori. Tuttavia, in sede di dichiarazione, devono indicare il codice fiscale dei soggetti ai quali hanno corrisposto redditi senza operare ritenute e l’ammontare dei redditi stessi.

6) Effetti Iva per chi adotta il regime forfettario

Ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, i contribuenti in regime forfetario:

  • non addebitano l’Iva sulle operazioni effettuate 
  • non detraggono l’imposta assolta sugli acquisti 
  • sono esonerati dalla liquidazione e dal versamento dell’imposta 
  • non sono tenuti alla registrazione delle fatture emesse, dei corrispettivi e degli acquisti 
  • sono esonerati dalla tenuta e conservazione dei registri Iva e documenti, fatta eccezione per le fatture e i documenti di acquisto e le bollette doganali di importazione 
  • sono esonerati dalla dichiarazione annuale, dallo spesometro ed altre comunicazioni minori. 

Invece, sono tenuti a:

  • numerare e conservare le fatture di acquisto e le bollette doganali 
  • certificare i corrispettivi (tranne che si tratti di attività esonerate per legge) con emissione di fattura, scontrino o ricevuta fiscale, dove opportunamente dovrà essere riportata il riferimento normativo di esclusione dall’applicazione dell’Iva e/o gli altri riferimenti che seguono. 
  • integrare le fatture per le operazioni in cui risultano debitori di imposta (reverse charge) e versare l’imposta entro il 16 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni 
  • in caso di cessioni di beni intracomunitarie, indicare in fattura che l’operazione “non è cessione intracomunitaria ai sensi dell’articolo 41, c. 2-bis, del D.L.331/93” 
  • in caso di acquisti di beni intracomunitari per un importo superiore a 10.000 euro e di acquisti di prestazioni di servizi intracomunitarie, iscriversi preventivamente al Vies, integrare la fattura rilasciata dal fornitore intracomunitario, versare l’imposta entro il 16 del mese successivo, compilare e presentare il modello Intrastat 
  • in caso di prestazioni di servizi a committente soggetto passivo stabilito in altro Paese Ue, emettere fattura senza addebito d’imposta ai sensi dell’art 7-ter del DPR 633/72 e compilare e presentare il modello Intrastat. La fattura riporterà dunque l'annotazione “Non soggetta ad Iva art. 7-ter del DPR 633/72 – Inversione contabile”. 

7) Effetti sui contributi previdenziali del regime forfettario

I contribuenti in regime forfettario restano obbligati a tutti gli adempimenti e versamenti tipici del regime previdenziale di appartenenza (Inps, Casse previdenziali professionali ecc.).

Le fatture emesse dunque riporteranno l’addebito obbligatorio del contributo previdenziale tipico della cassa di appartenenza (es. professionisti con casse previdenziali private: avvocati, commercialisti, architetti ecc.).

Per gli iscritti alla “Gestione separata INPS lavoratori autonomi” resterà possibile la rivalsa del 4% (è facoltativa).

Con una apposita comunicazione da effettuarsi con tempistiche definite e in fase di ingresso nel regime è possibile ottenere dall’INPS uno sconto pari al 35% dei contributi previdenziali dovuti dai soli iscritti alle gestioni artigiani e commercianti.

8) Fatturazione elettronica

I contribuenti rientranti nel regime forfetario non hanno l’obbligo di emettere fatture elettroniche.

Resta invece obbligatoria l’emissione e spedizione della fattura elettronica, firmata digitalmente, quando il cliente sia una Pubblica Amministrazione (P.A.).

I forfettari invece riceveranno le fatture dei fornitori (se a loro volta non forfettari, minimi o comunque da soggetti esonerati) in formato elettronico. Le fatture ricevute saranno disponibili nell'area riservata del portale, messo a disposizione di ciascuno, dall'Agenzia delle Entrate.

Nei rari casi in cui il contribuente forfettario richiederà fattura, sarà opportuno richiederne anche una copia di cortesia cartacea da allegare alla propria documentazione contabile senza dunque complicate ricerche nel portale pubblico.

9) Altre semplificazioni per i contribuenti forfettari ai fini delle imposte sul reddito

I contribuenti che applicano il regime forfetario sono esonerati dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili, fermo restando l’obbligo di conservare i documenti, la corrispondenza ed i libri e registri previsti da disposizioni diverse da quelle tributarie.

Sono esonerati dall’IRAP e dai suoi adempimenti dichiarativi.

Non applicano gli studi di settore, i parametri od i prossimi indici di affidabilità, sebbene siano tenuti a fornire, nella dichiarazione dei redditi, alcune informazioni relative all'attività svolta.

10) Uscita dal regime forfettario od opzione per altro regime

Come detto, chi possiede i requisiti per il regime forfetario può scegliere di applicare l’Iva e le imposte sui redditi nei modi ordinari. L’opzione va comunicata con la prima dichiarazione annuale (quadro VO) e vincola generalmente per un triennio, trascorso il quale resta valida per ciascun anno successivo, fino a quando permane la sua concreta applicazione.

ATTENZIONE: Il regime forfetario cessa, per legge, a partire dall’anno successivo a quello in cui viene meno uno dei requisiti di accesso o si verifica una causa di esclusione. In particolare viene meno dall’anno successivo a quello in cui il limite di ricavi/compensi di 65.000 euro viene superato.

11) La compilazione della fattura da parte dei forfettari

La fattura emessa dal contribuente in regime fiscale forfettario non riporterà l’IVA e neppure la ritenuta d’acconto (ove mai fosse applicabile), ma, nelle note della fattura, sarà riportata una frase simile alla seguente: “Operazione non soggetta ad Iva e a ritenuta d’acconto ai sensi dell’art 1, c. 54-89 Legge 190/2014”.

In alcune casistiche di operazioni intracomunitarie dovranno essere riportate le annotazioni indicate al precedente paragrafo 6).

La fattura di importo complessivo superiore ad euro 77,47 dovrà riportare la marca da bollo adesiva da euro 2,00 sull'esemplare originale consegnato al cliente (si compra dal tabaccaio). Il contribuente ne conserverà una fotocopia. A tal proposito si ricorda che la marca da bollo deve riportare una data anteriore o pari a quella di emissione della fattura.

12) Considerazioni conclusive sul regime fiscale forfettario

La scelta e l'adesione al regime fiscale forfettario deve essere frutto di una accurata meditazione e di valutazioni matematiche approfondite. Non è assolutamente scontato, infatti, che il regime forfettario possa essere conveniente, rispetto alla ordinaria modalità di determinazione dell'imposte sui redditi. L'obbligo di riversare parte o tutta l'Iva detratta sugli acquisti dei precedenti periodi d'imposta, l'eventuale presenza di ingenti detrazioni Irpef, il profilo dei costi dell'attività molto diverso dal coefficiente forfettario stabilito dal fisco sono solo alcuni degli elementi che possono seriamente portare a risultati in cui il regime forfettario potrebbe essere addirittura sconveniente.


Da decenni forniamo a persone fisiche, imprenditori individuali, professionisti e lavoratori autonomi una consulenza completa e personalizzata in materia fiscale e tributaria, oltre che economica e finanziaria. Per qualsiasi esigenza e per tutte le valutazioni e l'assistenza necessaria per il regime fiscale forfettario affidatevi con fiducia ai nostri professionisti. Contattateci, sapremo aiutarvi



Regime forfettario
Forfettari
Forfettario
Regime fiscale
2019
Forfait
65000
15%
Partita iva
Minimi
Risparmio fiscale
Commercialista
Studio
Como
Provincia

Informativa sull'uso dei cookies

Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito. Maggiori informazioni.
Accetto